Archivi categoria : News & Blog

INTENZIONI SONORE “IN MOSTRA” : ART. 4 / SUONARE COME CANTARE

IINTENZIONI SONORE "IN MOSTRA" : ART. 4 / SUONARE COME CANTARE

Dapprima l'ascolto e l'immaginazione, poi la pratica cantata, sfociano naturalmente nel desiderio dei bambini di rievocare il brano suonandolo. Devono quindi concentrarsi su come produrre il suono sullo strumento, per poi "trasferirvi" il brano.

Abituare il bambino a considerare lo strumento come "ulteriore possibilità espressiva" di un linguaggio che già si conosce è il più efficace sistema per coltivare l'espressività musicale : è facile suonare forte o piano, legato o staccato, energico o dolce, se "si sa già cosa vuol dire" perchè precedentemente sperimentato con l'ascolto ed il canto.

Le tastiere digitali, impiegate per l'educazione musicale di base, permettono inoltre di "giocare con i suoni dei diversi strumenti" abbinando virtualmente ogni strumento al personaggio più opportuno, abituando i bambini a scegliere il suono ideale per ogni storia, avvicinandoli così a tutti gli strumenti attraverso questa pratica.

I nostri bambini suonano per voi il brano "In volo sulle nuvole", precedentemente ascoltato e cantato.

Per conoscerci meglio : programma open day - set 2018

INTENZIONI SONORE “IN MOSTRA” : ART. 3 / L’ASCOLTO ED IL CANTO FORMANO L’ORECCHIO MUSICALE

INTENZIONI SONORE "IN MOSTRA" : ART. 3 / L'ASCOLTO ED IL CANTO FORMANO L'ORECCHIO MUSICALE

Abituare i bambini ad ASCOLTARE non è impresa facile e certamente non si può spiegare come si fa se non guidandoli a partecipare, stimolando l'immaginazione, la fantasia, la curiosità, l'emotività, per le quali la musica è un linguaggio privilegiato.

L'ascolto di un brano avviene raccontando una storia, pertinente alla musica, animandola con gesti e movimenti corporei che favoriscono l'immaginazione.

L'insegnante, come un direttore d'orchestra, guida gli interventi perchè vengano effettuati nel modo giusto, al momento giusto, con la giusta velocità, in modo musicalmente corretto, favorendo la concentrazione e la coordinazione dell'allievo. L'ascolto diventa quindi partecipato e la fantasia stimola le emozioni e le sensazioni, che imprimono nella coscienza il linguaggio sonoro.

Questa esperienza favorisce naturalmente l'allievo a rivivere il brano con il CANTO, quale primo vero atteggiamento attivo, nel produrre il linguaggio sonoro.

È così che proponiamo al bambino quell'insieme di esperienze che lo porteranno a formare "l'orecchio musicale", intendendo con ciò la capacità di riconoscere ed esprimere l'intonazione dei suoni, la dinamica (suono forte o piano), il fraseggio (suono legato o staccato), il ritmo (lento o veloce).

Con il canto i bambini praticano immediatamente la musica e si abituano ad usare un linguaggio che ben presto farà parte di loro.

Vediamo come in questo video, con una classe di bambini di 4 anni : dopo aver ascoltato il brano "In volo sulle nuvole" si apprestano a cantarlo.

Per conoscerci meglio : programma open day - set 2018

INTENZIONI SONORE “IN MOSTRA” : ART. 2 / IL METODO YAMAHA E’ UN CORSO DI LINGUA

INTENZIONI SONORE "IN MOSTRA" : ART. 2 / IL METODO YAMAHA E' UN CORSO DI LINGUA

La musica è una lingua e come tale tale va imparata.

Il modo migliore per imparare una lingua, specialmente nell'infanzia, consiste nell'immergersi il più possibile nel contesto di vita che preveda l'utilizzo di quell'idioma, perchè favorisce continue e spontanee sollecitazioni ad interagire, ascoltando e parlando.

Questo apprendimento pratico, naturalmente favorito dalla necessità di comunicare, assolutamente naturale nei bambini, rappresenta l'esperienza necessaria per comprendere successivamente le regole.

Con il metodo Yamaha "immergiamo" il bambino nel mondo sonoro, guidandolo all'ASCOLTO, invitandolo poi a CANTARE e successivamente a SUONARE quanto precedentemente vissuto con l'ascolto ed il canto, così diverrà naturale comprendere il funzionamento del linguaggio e codificarlo nella SCRITTURA e LETTURA.

A ben pensarci qualsiasi attività di ricerca, di apprendimento, di approfondimento, nei più svariati ambiti ed ai più diversi livelli, fonda il suo percorso di conoscenza "sull'avvicinarsi e toccar con mano", sullo "sperimentare", "sul fare", quali esperienze indispensabili per comprenderne i principi ed meccanismi di funzionamento.

Unito all'attenzione a proporre contenuti e modalità di apprendimento adeguate all'età dell'allievo, questo procedimento garantisce il più corretto approccio, con risultati di apprendimento e comprensione straordinari.

Per conoscerci meglio : programma open day - set 2018

INTENZIONI SONORE “IN MOSTRA” : ARTICOLO 1 / CON LA DIDATTICA YAMAHA, UN’EDUCAZIONE DIFFERENTE

INTENZIONI SONORE "IN MOSTRA" : ARTICOLO 1

CON LA DIDATTICA YAMAHA, UN'EDUCAZIONE MUSICALE DIFFERENTE

Questo articolo introduce un percorso di approfondimenti, talvolta accompagnati da brevi video, con il fine di illustrare efficacemente il nostro pensiero e la didattica che adottiamo.

Una scuola di musica deve fondare le sue radici nelle grandi doti educative e formative della musica, vissute in prima persona dai musicisti, per questo desiderosi di trasmetterle ai giovani.

La continua ricerca di metodi, sperimentati, valutati, comparati, che offrano percorsi completi per contenuti ed esperienze, con particolare attenzione che siano adeguati all'età dell'allievo, ci porta a confermare l'adozione del metodo Yamaha.

"Cosa insegnare e come", a seconda dell'età, è il fondamento di ogni educazione che abbia a cuore un apprendimento efficace : questo è il nostro pensiero, che ritroviamo in Yamaha.

Ecco perché questi corsi sono tanto apprezzati dai bambini quanto dai genitori e sempre più consigliati da tutti coloro che comprendono l'importanza di proporre un'educazione musicale di base completa, ben strutturata, che aiuti l'allievo a maturare la scelta consapevole dello strumento più consono alle proprie caratteristiche musicali e caratteriali.

Questa la rivoluzione : contrariamente a qualsiasi altro metodo, che prevede la scelta a priori di uno strumento, per imparare a suonare e gradualmente comprendere il linguaggio, proporzionalmente alle fatiche incontrate ed alla effettiva capacità di suonare, con il metodo Yamaha proponiamo ai bambini un corso di lingua, dove esperienze e competenze formano "l'orecchio musicale" e guidano l'allievo a scegliere lo strumento più adeguato, con eccezionali risultati musicali ed ancor più importanti nell'ambito della formazione e della crescita generale.

Perchè precisiamo che, prima ancora di coltivare dei musicisti, il nostro intento è far si che la musica ed i suoi procedimenti di apprendimento costruiscano nei bambini un metodo per imparare e conoscere, applicabile a tutte le discipline che incontreranno nel loro percorso di vita.

Nei prossimi articoli entreremo dettagliatamente nella didattica e illustreremo come insegniamo la musica ai bambini, a partire dall'infanzia : a presto!

Per conoscerci meglio : programma open day - set 2018

PREPARAZIONE AL CONSERVATORIO DI TORINO : UN’OPPORTUNITA’ DI CRESCITA INEGUAGLIABILE

PREPARAZIONE AL CONSERVATORIO : UN'OPPORTUNITA' DI CRESCITA INEGUAGLIABILE Cambia il conservatorio e si adeguano i programmi. I corsi pre accademici saranno a breve sostituiti dai corsi propedeutici, finalizzati a rispondere alla più adeguata preparazione accademica. Intenzioni Sonore, già convenzionata con l'istituzione torinese, dialoga con gli insegnanti del conservatorio per proporre ai bambini della scuola elementare,…
Per saperne di più

error: Content is protected !!